Come scegliere il taglio giusto e gestirlo bene? Segui i consigli di Emiliano Nisi, i Sarti dei Capelli, salone a Milano

«Voglio il taglio della Kardashian, voglio il taglio della Ventura, voglio il taglio della Marcuzzi… » va tutto benissimo, ma mi raccomando attenzione alla scelta del taglio e soprattutto a chi e come ve lo propone.

Tre sono le cose fondamentali per poter capire se il taglio che ci verrà eseguito è un taglio che ci porterà dei benefici.

La prima domanda che ti deve essere rivolta è “che cosa il taglio deve fare per te?”. Ti faccio un esempio banale: se devi andare a comprare un vestito, un capo di abbigliamento, sceglierai prima la categoria, cioè scegli prima che cosa questo vestito deve fare per te, cioè se è per una cerimonia o per fare sport, se è per un evento particolare o è per tutti i giorni.

Il secondo passo è quello che riguarda la tua forma morfologica e cromatica del viso, cioè il parrucchiere, fatta un’analisi di come è il tuo viso, insieme a te deve decidere, sulla base della tua forma, quale strada scegliere.

Parrucchiere Milano
Parrucchiere Milano

Terza ed ultima domanda: “che tipo di abitudini hai nella gestione capelli?”, e questa si dirama su due strade, cioè strumenti che usi e prodotti che usi. Queste sono due cose che molte volte vengono prese in maniera superficiale, sia dal parrucchiere ma a volte anche da te, perché se noi investiamo migliaia di euro per avere determinati prodotti in salone un motivo ci sarà.

Per quanto si possa dire “a casa, i capelli non mi vengono come me li fai tu”, ma la domanda è ti sei mai chiesta come mai ti vengono così? Strumenti e prodotti fanno tutta la differenza del mondo, ma è fondamentale che il professionista ti sappia dare tutte le dritte per come usarli al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.